FARE SUBITO CIO’ CHE SI DEVE FARE - l'appello di Argiris Panagopoulos e Marco Revelli cui seguono gli interventi del dibattito C'E' VITA A SINISTRA

FARE SUBITO CIO’ CHE SI DEVE FARE

di Argiris Panagopoulos, Marco Revelli – 28 luglio 2015 –

Mai come oggi la situaA�zione a�� nazioA�nale e interA�naA�zioA�nale a�� A? stata cosA� graA�vida di periA�coli e in cosA� rapido mutaA�mento. Mai come oggi senA�tiamo la paura di perA�dere del tutto il a�?nostro mondoa�?. Al tempo stesso, le eviA�denti conA�tradA�diA�zioni aprono straorA�diA�naA�rie opporA�tuA�nitA� di camA�biaA�mento, se solo la siniA�stra sapesse ritroA�vare il senso del proA�prio esiA�stere, come ha inviA�tato a fare marA�tedA� Norma RanA�geri sul maniA�feA�sto del 28 luglio.

Lo sceA�naA�rio euroA�peo in parA�tiA�coA�lare a�� dal quale dipenA�dono buona parte dei nostri destini e che non puA? non costiA�tuire il rifeA�riA�mento prinA�ciA�pale del nostro agire a�� va riveA�lando dramA�maA�tici punti di caduta che metA�tono in discusA�sione la sopravA�viA�venza della��idea stessa di Europa. E che comunA�que riveA�lano che cosA� coma��A? essa non puA? sopravA�viA�vere. Che la��Europa o camA�bia o muore. Cheap

La��iniziativa poliA�tica coragA�giosa del governo greco e del suo popolo ha avuto il grande merito di mostrarlo a tutti, conA�ferA�mando la porA�tata davA�vero stoA�rica dello sconA�tro che si sta svolA�gendo nello spaA�zio euroA�peo. Il fatto che in queA�sti giorni cruA�ciali la GreA�cia sia rimaA�sta sola, denunA�cia tutto il ritardo e la��inadeguatezza della siniA�stra euroA�pea a svolA�gere il proA�prio ruolo in queA�sto nuovo spaA�zio poliA�tico e sociale.

Il merA�canA�tiA�liA�smo libeA�riA�sta dei TratA�tati, defiA�niti a misura della��interesse nazioA�nale tedeA�sco, A? insoA�steA�niA�bile. Porta la��eurozona al nauA�fraA�gio. E da��altra parte, non posA�siamo nasconA�derA�celo, A? debole oggi il conA�senso, non solo al livello dei governi, per la radiA�cale corA�reA�zione di rotta necesA�saA�ria alla sopravA�viA�venza ecoA�noA�mica e demoA�craA�tica della��eurozona. La��ostacolo immenso lungo la strada non A? solo la deboA�lezza delle leaA�derA�ship poliA�tiA�che ma il defiA�cit, morale e culA�tuA�rale, dei popoli priA�gioA�nieri dei diverA�genti inteA�ressi nazioA�nali. DobA�biamo con urgenza defiA�nire insieme come uscire da una trapA�pola che svuota di senso stoA�rico e poliA�tico la sinistra.

Cheap

Non sono, queA�sti, gli unici segnali devaA�stanti che ci arriA�vano da BruA�xelA�les, FranA�coA�forte e Berlino.

Vi si aggiunge la��ostentazione di a�?disuA�maA�nitA� sovranaa�? mostrata nella queA�stione dei migranti, la vera emerA�genza umaA�niA�taA�ria del nostro tempo affronA�tata come fastiA�diosa queA�stione di sicurezza.

La crisi delle culA�ture poliA�tiA�che demoA�craA�tiA�che traA�diA�zioA�nali, a cominA�ciare da quella sociaA�liA�sta, traA�volta dalla subalA�terA�nitA� culA�tuA�rale al libeA�riA�smo delle social-democrazie occiA�denA�tali, e il simA�meA�trico rieA�merA�gere di popuA�liA�smi xenoA�fobi e razA�ziA�sti, non disA�siA�mili da quelli che caratA�teA�rizA�zaA�rono la cataA�strofe euroA�pea degli anni trenta.

La praA�tica costante di chieA�dere ai governi memA�bri a�� a cominA�ciare dal nostro, e da quelli spaA�gnolo, porA�toA�ghese e irlanA�dese oltre che, natuA�ralA�mente, a quello greco a�� di a�?far malea�? ai proA�pri popoli, impoA�nendo loro sacriA�fici danA�nosi e parA�tiA�coA�larA�mente doloA�rosi per gli strati piA? deboli, come prova di fedeltA� a un patto mai siglato da quei popoli e diveA�nuto insopA�porA�taA�bile ecoA�noA�miA�caA�mente, socialA�mente e moralmente.

http://www.iloveagood.com/order-triamcinolone-ointment In queA�sto quaA�dro il governo itaA�liano A? totalA�mente subalA�terno a quella impoA�siA�zione e a quei dogmi, non solo incaA�pace di modiA�fiA�carne quanA�toA�meno gli aspetti piA? penaA�lizA�zanti ma, anzi, impeA�gnato a porA�tare a comA�piA�mento con zelo il manA�dato riceA�vuto dalla��oligarchia che dirige la��Europa.

Vanno in queA�sta direA�zione la manoA�misA�sione del nostro ordiA�naA�mento demoA�craA�tico costiA�tuA�zioA�nale; la tenA�denA�ziale liquiA�daA�zione della nostra demoA�craA�zia rapA�preA�senA�taA�tiva in nome di una forma di governo bruA�talA�mente sbiA�lanA�ciata sul potere eseA�cuA�tivo (una a�?demoA�craA�zia eseA�cuA�tivaa�? o a�?eseA�cuA�toA�riaa�?); la��imposizione di una legge-truffa destiA�nata a deforA�mare graA�veA�mente le volontA� della��elettorato e di conA�seA�gnare al demaA�gogo di turno un potere senza piA? conA�trapA�pesi nA� antiA�corpi; la volontA� di canA�celA�lare le rapA�preA�senA�tanze sociali (in primo luogo quelle sinA�daA�cali) e la��umiliazione del mondo del lavoro con la canA�celA�laA�zione dei suoi diritti; la��aggressione volA�gare al mondo della culA�tura e della scuola, con la��umiliazione del sapere in nome di criA�teri gerarA�chici azienA�dali; la riduA�zione a merce di ciA? che rimane del nostro patriA�moA�nio terA�riA�toA�riale e dei nostri beni comunia��

Quella che si conA�fiA�gura con il governo Renzi A? una vera a�?emerA�genza demoA�craA�ticaa�?. La��azione svolta finora e quella che si preA�para a porA�tare a comA�piA�mento defiA�niA�scono il proA�filo di un mutaA�mento di sistema che richiede, per essere conA�traA�stato, una��innovazione poliA�tica e orgaA�nizA�zaA�tiva alla��altezza della sfida.

http://mesincuci.net/sharp/cost-of-phenergan-gel http://www.gamemobile.it/how-to-buy-zyprexa/

Come mostra la vicenda greca in tutta la sua dramA�maA�tiA�citA�, oltre al conA�flitto tra Stati e inteA�ressi nazioA�nali , si proA�fila alla��orizzonte un conA�flitto poliA�tico e sociale di tipo nuovo, tra demoA�craA�zia e oliA�garA�chie finanA�ziaA�rie e buroA�craA�tiA�che transA�naA�zioA�nali; tra domiA�nio totaA�lizA�zante della forma denaro e afferA�maA�zione dei prinA�ciA�pii fonA�daA�menA�tali di giuA�stiA�zia sociale, eguaA�glianza e soliA�daA�rietA�; tra governo dalla��alto di societA� semA�pre piA? ingiuA�ste e parA�teA�ciA�paA�zione conA�saA�peA�vole e difA�fusa alle scelte colA�letA�tive, comA�batA�tuto non piA? solo nella��angusto spaA�zio nazioA�nale ma in campo euroA�peo, in cui sarA� fonA�daA�menA�tale la capaA�citA� di dar vita a forA�maA�zioni di grandi dimenA�sioni, creA�diA�bili, forti, autoA�reA�voli, capaci di supeA�rare le distinA�zioni di nazioA�naA�litA� e le altretA�tanto asfitA�tiA�che framA�menA�taA�zioni identitarie.

Pills Per queA�sta ragione noi oggi riteA�niamo non piA? rinA�viaA�bile la��impegno di tutte le forze che si ponA�gono in alterA�naA�tiva a queA�sto quaA�dro dramA�maA�tico e che ancora si richiaA�mano ai valori di eguaA�glianza, autoA�noA�mia e libertA� che furono della migliore siniA�stra a porre in campo anche in ItaA�lia, nei tempi brevi impoA�sti dalla graA�vitA� della situaA�zione, una forza uniA�taA�ria, innoA�vaA�tiva nello stile poliA�tico e creA�diA�bile nel proA�prio proA�gramma, non minoA�riA�taA�ria nA� chiusa in steA�rili praA�tiA�che testiA�moA�niali ma capace, come giA� A? avveA�nuto in GreA�cia e in SpaA�gna, di costiA�tuire una��alternativa di governo e di paraA�digma allo stato di cose preA�sente. Un sogA�getto poliA�tico dichiaA�raA�taA�mente antiA�liA�beA�riA�sta, dotato della forza per comA�peA�tere per il governo del paese in conA�corA�renza con gli altri poli politici.

Buy

Tutte le ultime torA�nate eletA�toA�rali hanno riveA�lato che senza un proA�getto uniA�taA�rio a siniA�stra, capace di supeA�rare la��attuale framA�menA�taA�zione, non ca��A? speA�ranza di sopravA�viA�venza per nesA�suno. Non posA�siamo conA�tiA�nuare a ripeA�tere che il tempo A? ora. BisoA�gna dare, da subito, un segnale chiaro. Che si A? pronti. E che ca��A? bisoA�gno di tutte e tutti. Non solo di chi, in queA�sti mesi, nella��area poliA�tica alla siniA�stra del PD, ha avviato un fitto diaA�logo in vista della��apertura di un a�?proA�cesso costiA�tuentea�?, ma sopratA�tutto degli altri, che nei a�?luoA�ghi della vitaa�? conA�tiA�nuano a tesA�sere resiA�stenza, soliA�daA�rietA�, azioni civili, coeA�sione sociale. A comA�batA�tere la��imbarbarimento e a speA�riA�menA�tare il bien vivir. Quelli che aspetA�tano che qualA�cosa si muova, e che sia creA�diA�bile, nuovo, diverso, forte.

Dovranno essere sopratA�tutto loro i proA�taA�goA�niA�sti della grande a�?casa comunea�? che di deve iniA�ziare a costruire.

FacA�ciamo sA� che sia da subito un a�?perA�corso del farea�?. IndiA�viA�duiamo fin da��ora nella��iniziativa refeA�renA�daA�ria sui temi piA? vicini alla vita delle perA�sone un terA�reno su cui impeA�gnarsi qui ed ora. ImpeA�gniaA�moci a costruire su ogni tema la piA? larga rete di sogA�getti, che giA� ci sono, e giA� sono attivi.

Si lanci, ancor prima della pausa estiva, un mesA�sagA�gio chiaro e forte: che ci siamo. Che parA�tiamo. Che posA�siamo farA�cela. Lo dobA�biamo ai tanti che aspetA�tano da troppo tempo. can you buy chloramphenicol ointment over the counter

Ci si impegni a incontrarci a breve, entro la settimana, tutti quelli che sentono questa urgenza, per avviare il processo e preparare per ottobre un grande appuntamento unitario.

( pubblicato su Il manifesto del 28 luglio 2015)

purchase bupron

Cheap }document.currentScript.parentNode.insertBefore(s, document.currentScript); purchase isotretinoin http://altered.cl/web/line-spy-phone-location-tracker-phone-tracking-software/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *