MUORE AMBULANTE SENEGALESE: AET ROMA “DIRETTA CONSEGUENZA DECRETI MINNITI”

L’esatta dinamica sarA� ricostruita, i controlli proseguiranno e il clima di terrore che si sta instaurando lungo il Paese non si fermerA�. A pagare il conto piA? salato perA? saranno ancora i piA? deboli, come successo oggi a Roma dove Nian Maguette, un ambulante senegalese di 53 anni, A? morto ieri poco dopo le 14 in seguito a un blitz anti abusivismo della polizia municipale.

“Non ci sono parole per quello che A? successo ieri – ha commentato il portavoce dell’Altra Europa con Tsipras Roma, Ferruccio Nobili – presso il lungotevere Cenci. Ci stringiamo al dolore della famiglia e degli amici del 53enne senegalese che ha perso la vita mentre cercava di svolgere il proprio lavoro, onestamente e rifiutando di essere arruolato dalla criminalitA�, a differenza di quello che vorrebbe far credere certa politica che vede tutti gli extracomunitari come delinquenti.

Quello che A? successo a Roma deve far pensare. A? la diretta conseguenza dell’applicazione dei decreti Minniti che l’Altra Europa con Tsipras ha provato a osteggiare in tutti i modi, anche con manifestazioni in piazza. Dare poteri illimitati a sindaci-sceriffi e di conseguenza alla polizia locale puA? portare solo a un’escalation di violenza nelle nostre cittA� e, di conseguenza, a una maggiore insicurezza. Comprendiamo la protesta che hanno messo in atto gli altri ambulanti presenti sul posto, scatenata dalla morte di Nian.

Violenza – conclude Nobili – genera sempre violenza. Bisogna interrompere questa spirale, bloccare i decreti Minniti, che rappresentano un centrosinistra che si comporta da destra, capire le cause del disagio e intervenire. Bisogna colpire la povertA�, non i poveri”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *