Stadio Roma: a�?bene riduzione cubature, ma attendiamo nuovo progetto. Certificato che vecchio progetto era speculazione!a�?

Nuovo capitolo nella vicenda del business park di Tor di Valle, meglio conosciuto come Stadio della Roma. La sindaca Raggi ha annunciato di aver raggiunto un accordo con il club giallorosso e il palazzinaro romano Parnasi, che prevede il dimezzamento delle cubature, con la cancellazione delle tre torri. L’Altra Europa con Tsipras Roma ha da sempre manifestato la propria contrarietA� al progetto che aveva il sapore di una speculazione edilizia, piuttosto che un reale investimento per la squadra di calcio della capitale.

a�?La cospicua riduzione delle cubature a�� ha sottolineato Ferruccio Nobili, portavoce di AET Roma a�� A? certo uno fatto positivo, ma non basta. Da sempre ci siamo battuti accanto al comitato Difendiamo Tor di Valle, per difendere una delle ultime aree incontaminate del Tevere, che nello sviluppo della Capitale aveva tra l’altro la funzione di area di esondazione del fiume. Per questo prima di dare un giudizio definitivo aspettiamo di vedere il nuovo progetto e le attenzioni che verranno riservate alla viabilitA� e al rischio idrogeologico”
“Oggi perA? una cosa la possiamo dire con certezza. Appare chiaro che il vecchio progetto approvato dalla giunta Marino a�� conclude Nobili – era una vera e propria, inutile, speculazione edilizia ai danni della cittA�. Aspettiamo ora di conoscere il nuovo progetto e di capire come i nuovi costi di gestione e manutenzione della cittA� verranno pianificati per il futuro. Eventuali nuove uscite per gestione e manutenzione non potranno ricadere sui cittadini romani, visto che si tratta a tutti gli effetti di un’opera privata con finalitA� privatea�?.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *